martedì 29 luglio 2014

Giro del Lago di Campotosto: DAVVERO BELLA SCELTA



foto da cartolina
un anno e mezzo per correre 100km lungo la Faentina, 11:23:52
2 settimane di stop
2 settimane di salite
50km nella Pistoia-Abetone, 6:17:2
4 settimane di corsa "tanto per" con 10,5 km per tornare coi piedi per terra alla Jennesina, 58:56

Domenica scorsa me ne andavo alla terza edizione del Giro del Lago di Campotosto, consapevole che i 25.2 km sarebbero stati una scusa per riprendere le lunghe distanze, dopo l'Abetone ho tirato di molto i remi in barca, non tanto per un discorso fisico quanto mentale e di vita!

Conosco il luogo ma non avevo mai corso in quei posti ed è stata un'esperienza bellissima!
Con la scusa che avevo questa gara, al sabato  me ne andavo a trovare mio zio ad Amatrice e sfruttavo questa possibilità per prendermi un finesettimana e spezzare il quotidiano: utile e dilettevole!

Finora ho corso attorno o nei pressi di diversi laghi (Bracciano, Bolsena, Turano, Posta Fibreno, Sabaudia, Vico, Trasimeno), su diverse distanze, dai 6,3km di Bolsena ai 56,665km nella Strasimeno; la new entry "Campotosto" si va a piazzare tra le primissime posizioni, nonostante sia l'unico artificiale!

Ambiente incontaminato, il Lago fa parte del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.
E' incredibile, pur sapendo che non sto attraversando un periodo di forma, la consapevolezza della 100 prima e della 50 poi, mi riuscivano a fare star tranquillo. Mi ero ripromesso di portare il massimo rispetto a questa gara, vuoi per l'altitudine (1406m), vuoi per il meteo (alla fine è stato clemente rispetto alle precedenti due edizioni in cui hanno sofferto un caldo vero, stavolta invece ha iniziato a diluviare mezz'ora dopo il mio arrivo), ma soprattutto perchè erano pur sempre 25km e visto quanto e come sto correndo ultimamente, non avevo nulla da poter pretendere se non sfruttare questo percorso come lungo di richiamo.

Grandi incontri in Campotosto!
Paola Cenni, che finalmente ho voluto conoscere: da quando mi dedico alle ultra l'ho vista in tante occasioni, alla Strasimeno, alla Pistoia Abetone (6:59:16) ma anche in tante altre gare, scoprirò, se non erro, che vanta 105 maratone in totale!!! Simpaticissima!

Per l'ennesima volta incontro quello che è diventato un MUST: Massimo! Si perchè ormai dove si corre in salita e/o per lunghe distanze LUI c'è sempre! (invece io?!? ihihihihi)

Nonostante sia arrivato prima delle 8:00, fino alle 10:10 ancora non mi ero cambiato (capacità nata dopo la 100 e la 50 e sapendo che doveva trattarsi di un lungo) e fino alle 10:30, orario della partenza, me ne andrò a zonzo a far foto, a godermi l'ambiente circostante e fare gli incontri di cui sopra! 
Ero a stomaco vuoto per scelta, allorchè prima della partenza mi prendevo un carbogel e me ne portavo un altro in mano!

Decido di fare neanche 5' di riscaldamento blando blando e mi posiziono dietro a tutti, come ormai mi piace fare quando non ho nulla da pretendere dal crono! Anche stavolta correrò senza orlogio, inizio a prenderci gusto ed inizio a conoscermi meglio! 

Poco dopo partiti mi unisco a Massimo ed altri suoi amici, si chiacchiera alla grande e se ne sentono delle belle, come solo noi podisti sappiam fare :)  I primi 5/6 km si corre in gruppo, il meteo è perfetto, siam partiti col sereno e qualche nuvola, lungo il percorso ha piovicciato e tirato vento forte in alcuni punti ma tutto sommato è stato clemente, almeno per il sottoscritto! Si perchè nemmeno mezz'ora dopo il mio arrivo il cielo si è andato rabbuiando ed è iniziato a piovere un forte temporale! E pensare che prima della gara temevo una giornata ultracalda come nelle precedenti edizioni, invece.. Meglio così: motivo in più per essere contento di essere andato ;)

Dopo 6-7-8 km iniziavo a riscaldarmi ma continuavo a correre in scioltezza, mi univo ad un altro gruppetto che aveva il mio passo, correremo insieme 3-4 km ma nonostante gli avessi detto "posso prendere questo treno?" puntualmente mi trovavo davanti a fare da apripista :/ arrivati all'11° gli faccio "non mi dite che km è, nn lo voglio sapere" (ero partito senza orologio apposta ed invece correndo in gruppo puntualmente qualcuno se ne usciva coi laps e quant'altro :/)! L'unica donna che faceva parte del gruppetto di 5-6 persone invece se ne esce apposta: "E' l'11!!!" ed io "sei proprio cattiva dentro allora :)" infastidito decidevo di continuare da solo! :) :) :) 
Con stupore mi accorgevo che stavo bene, mi ero riuscaldato nel modo migliore e riuscivo a mantenere un passo agevole con una buona respirazione! 

Il percorso era stupendo, nonostante si corresse su continui, lievi saliscendi. Correre lì mi ricordava moltissimo quando correvo attorno al Trasimeno e ricominciai a pensare alle riflessioni che feci nella mia prima ultra; automaticamente il pensiero andò a Simone, che anche stavolta mi si era affiancato ed a cui avevo deciso di far divertire cercando di onorare nel migliore dei modi quello scenario naturale stupendo!

Era il 15° e prendevo il carbogel che tenevo in mano; quando ero nel gruppetto di prima chiedevo cosa mi aspettava nei km che si avvicinavano e mi dissero che arrivavano un paio di km in salita per poi continuare come fin lì fatto e con gli ultimi 3km di salita che sarebbe andata aumentando fino agli ultimi 300m.

Sarà la 100, sarà la Pistoia-Abetone, ma mai come stavolta mi sono goduto un percorso fatto di saliscendi e salite come questo in Campotosto!

Finisco la mia gara superando un paio di persone sulla salita finale, ero contento di aver saputo gestire 25km in scioltezza, senza mai andare in sofferenza e facendo tanti sorpassi (il bello di partire dalla fine :) :) :) ih ih ).







IL RESTO DELLE FOTO DEL W-E
Podismo - gara 153 - 3^ Giro del Lago di Campotosto

2 commenti:

  1. giusto per non perdere l'abitudine.
    ogni tanto una gara corta ci vuole!

    RispondiElimina