mercoledì 8 maggio 2019

Maratona dell'Isola d'Elba: la signora Maratona!!!

Raccontare questa Maratona è raccontare un evento durato 8 giorni trascorsi con mia moglie Ania in posti da sogno, fatti di bellissime e pittoresche persone, di natura incantata, di squisite cenette, di relax e di sport, di storia italiana e di realtà epocali, di viaggi in auto e paesaggi da favola. Quant'è bella l'Italia... Quanto amo mia moglie... Il nostro viaggio sarà per sempre nei nostri cuori!
Dulcis in fundo la Maratona, la sig.ra si è conciata in grande stile stavolta, ed il cugino Meteo non ha guastato la festa, ma lasciato divertire 174 drogati di endorfine, lungo la costa del Sole elbana.

A Marina di Campo era la partenza della gara e per una volta ero a 5' dalla Startline, lì era la nostra accomodation di gestione della locale agenzia Margherita, consigliatissimo se basta l'essenziale.
L'orario di partenza era le 9,30 ma nonostante avessi settato la sveglia alle 7.30, già alle 6.30 ero con gli occhi aperti, che vuoi: la maratona n. 51 emozionava come la numero 1, magia dei 42km!!!


In un clima come poche altre Maratone creano, si partiva, a ridosso della startline ed iniziava l'ennesimo viaggio.
Nella settimana appena trascorsa avevo corso solamente 2 volte, 13km la domenica precedente per assaporare il percorso di gara e 10km al venerdì, stavo bene e conscio di quello che mi avrebbe aspettato, mi preoccupavo di non lasciarmi trasportare dall'entusiasmo, facendo attenzione alla respirazione e godendomi le chiacchiere degli appena partiti.
Il mio fare statistiche di corsa fin dall'esordio, mi diceva che per mantenere una media di 5'27'', a tanto ammontava la media delle mie 50 maratoneavrei dovuto concludere le mie fatiche nel range 3:32:35/3:51:33, avevo tanto margine è vero ma considerando il tracciato e la tipica distanza, non era scontato riuscirci, ma stavolta l'umiltà e la vicinanza dei miei Angeli mi hanno aiutato ed accompagnato lungo il percorso, mai stato solo.

Dopo un giro in Marina di Campo di 5km, ci si avviava verso il 9° km, che nonostante l'altimetria pervenuta desse altre impressioni, il servizio pacer affermava essere la prima vera salita.


Non guardavo l'orologio, riuscivo ad osservarlo con distacco, sapevo che l'obiettivo era a portata di mano, dovevo solo godermi il viaggio ed essere pronto ad ascoltare i segnali del mio corpo.

Questi i primi 10km:
5.26, 5.42, 5.39, 5.14, 5.24, 5.32, 5.19, 5.44, 5.52, 6.19

Il riscaldamento era finito, stavo bene, correvo sereno, attento a non strafare in discesa e cercando di godermi il panorama


Cavoli, Seccheto, Fetovaia, frazioni elbane erano state raggiunte, ora si correva verso Pomonte e poi Chiessi, dove il giro di boa ci attendeva. Al 20° superavo in discesa una runner e gli faccio "dai che si torna, ancora poco", e poi mi fa "eri a Roma?" 🤔 ed io "Si, complimenti per la memoria" e lei "abbiamo corso affiancati per un po'", la sorpassavo e scoprivo che aveva chiuso Roma in 3:32 👏👏👏 era lì per godersi il viaggio come me, ma forse più di me 😉

Giro di boa ed iniziava la mia gara: stavo bene e dovevo continuare sfruttando il vento a favore lungo la costiera, al ritorno verso Marina di Campo.

Questi i tempi fino al 21°:
4.59, 4.41, 5.11, 5.36, 5.14, 6.06, 5.38, 5.05, 4.37, 5.46, 5.37

Sapevo che stavo andando bene ma ancora non mi preoccupavo di iniziare a far calcoli e previsioni, umiltà fino alla fine, mi godevo il paesaggio da favola



Aspettavo il 31° e poi sapevo si sarebbe trattato solo di pazientare ed iniziare a fare calcoli 😁

Dal km 22 al 31:
5.55, 4.52, 5.56, 5.53, 5.05, 4.43, 5.10, 4.46, 5.47, 6.17

Ok, ed ora si scende!!!
6.03, 5.21, 4.56, 5.18

Dal km 35 riprendevo un tratto di km che mi aveva visto correre la domenica precedente a ritmi fantastici, ora l'andatura era assai più modesta, il viaggio era alla fine e qualche accenno di crampo alla gamba sx mi faceva preferire non tentare accelerazioni ma volare basso, eravamo nuovamente a Marina di Campo ed ora dovevamo girovagare ancora qualche km con il sottofondo in lontananza dello speaker, emozionante!

Mancavano un paio di km, il crampo era una minaccia reale ora e me ne stavo tranquillo, guardavo l'orologio e vedevo che l'obiettivo sarebbe stato raggiunto in maniera egregia.
 

Dal km 36 al 42:
5.04, 5.26, 5.27, 6.00, 5.37, 5.44.

Chiudo col tempo di 3:49:36, media di 5'27''.

Direi perfetto!


 

Ok, tutto bello, tutto bellissimo, ma mia moglie?!? 🤤😲😣 Per un attimo ero stupito, ma subito dopo preoccupato, non è da lei non farsi trovare all'arrivo! Poi ripenso che le avevo detto che ci avrei messo 4ore, anche qualcosa in più forse (la scaramanzia si usa in queste situazioni), e scoprirò che era all'arrivo quando il time sul tabellone segnava 3:34, motivo per cui si concedeva una visita ad un negozietto a dieci metri: 5 minuti fatali 😘 ma l'amo troppo e la conosco tanto da sapere che è dispiaciuto più a lei che a me!

Da qui si riparte: entusiasmo ritrovato!!!

#dajeBambaciò 
#imieiangeliconme 
#ASG 

sabato 4 maggio 2019

Maratona dell'Isola d'Elba? No, vacanza

A meno di 24 ore dal via, mi sento di dire che questa è stata la settimana di avvicinamento ad una 42km indimenticabile, talmente siamo stati bene con Ania in questo contesto da favola!!!
Ieri ho avuto modo di guardarmi anche il percorso di gara lungo gli ultimi 21km, ossia dopo il giro di boa di Chiessi: paesaggi unici che per essere vissuti e goduti dovranno lasciare spazio ad una tattica di gara intelligente ed umile, proverò a mettere la ciliegina sulla torta ad una vacanza da sogno trascorsa con mia moglie.

Il meteo variabile di questa settimana continua a non lasciar presagire un miglioramento per domani, anzi, il web continua a dire che sono previsti fulmini e saette nella fascia oraria della Maratona, che il fato si stia prendendo gioco di noi? Vedremo..

#imieiangeliconme #ASG #correreèbello #dajeBambaciò




venerdì 5 aprile 2019

La mia numero 50: XXV Maratona Internazionale di Roma


Oggi al lavoro:

Collega
"Allora, sei pronto? come ti senti?"
Io
appena tornato dell'Expo e ritirato il pacco gara e pettorale, "sono emozionato"
Collega
"Davvero? Ancora? Ma è la cinquantesima!?!"
Io
"Si ma la Maratona è sempre la Maratona e poi Roma..."

Chi l'avrebbe mai detto, la mia 50^ lunga distanza avrà luogo dove la mia storia di podista amatoriale ebbe inizio!

Correva il 2005, 14 anni son passati, tante, troppe cose son successe in tutti questi anni! 

Tanti ricordi, tanti nomi, emozioni vere, un nodo in gola.. Ania..

Questi 42.195 km saranno per l'ennesima volta teatro del mio tunnel immaginario, ma tanto reale ed unico come solo chi corre lunghissime distanze può capire, e dove potrò riabbracciare i miei Angeli correndoci assieme. Tante ore per meditare, per ritrovarmi e cercare di capire cosa sta succedendo intorno a me...

Non sto attraversando un periodo di forma e riesco a presentarmi allo start col solo obiettivo di divertirmi e cercare di far tesoro dei 1054,875 metri di maratone corse per portare a casa il risultato che al momento è alla mia portata, 3:50, ma mai facile e soprattutto scontato, vedremo, l'importante è stare bene lungo tutto il viaggio.

La cinquantesima merita un po' di statistiche:

Km di Maratone -> 1054,875
Totale Maratone -> 25
Tempo medio finale Maratone -> 3:49:57
Passo Medio Maratone -> 5' 27''
Totale Ultramaratone/Maratone -> 49
Totale Gare -> 222
Totale Gare su strada -> 212
Passo Medio Gare su strada -> 5' 28''

GO Simone GO

giovedì 21 febbraio 2019

Ciao Simo

Ciao Simo,
che fai lassù? Mi piace immaginarti alle prese con percorsi d'allenamento speciali, con una vita sempre piena, e perché no, con incontri frequenti dei miei angeli..
Io come sai sono alle prese con la riorganizzazione della mia vita podistica, dove per rispetto ho deciso di saltate il Passatore quest'anno, rispetto per la corsa, per il Passatore, ma soprattutto per quello che la corsa significava per me ma soprattutto per te!

Domani saranno 6 anni che te ne sei andato, ma sei sempre con noi e questo lo sai!
Un abbraccio fraterno, ti vogliamo bene e ci manchi... Ma continuiamo a starti vicino!

Saluta i miei cari e prenditi cura di loro se mai ce ne fosse il bisogno!

#nessunomuorefinchèvivenelricordodichiresta #imieiangeliconme #ASG #GoSimoneGO

sabato 26 gennaio 2019

2/14 Maratonina dei 3 Comuni

..da allora solo l'edizione del 2011 manca all'appello, in 13 anni ho collezionato uno splendido servizio da 12 di piatti in ceramica, unico nel suo genere, fatto di sacrificio, km e tantissimi ricordi di questa dozzina di anni passati!


Ed ora?!? Ora me ne morivo dalla voglia di riassaporare le endorfine che solo questa gara sa regalare, ma il tanto lavoroare degli ultimi mesi, unito ad uno stato di forma che è andato scemando dopo l'estate trascorsa, fatta di pochi km e culminata con la scadente prestazione alla 6 ore di Curinga, mi hanno fatto propendere per saltare un'altra edizione, troppo poco tempo per allenarmi e per tutto il resto, tant'è che ancora non ho potuto rinnovare il certificato!!

I piatti, sono il comune denominatore del mio correre negli anni, e forse dopo quello di quest'anno per il 5° Passatore, il collezionare subirà uno stop!!!

Un grosso in bocca al lupo a chi sarà domani lungo la strada che unisce i famigerati 3 Comuni di Castel S.Elia, Civita Castellana e Nepi.











mercoledì 5 dicembre 2018

La numero 49 dice Latina a bassa voce

Era il 16 ottobre quando postavo dopo la Maratona di Parma per il ritrovato entusiasmo che solo la corsa di resistenza sa donarti, ed ora a distanza di nemmeno due mesi esordivo nella Maratona di Latina, senza pretese di risultato ma con la curiosità di vedere i frutti donati dal ritrovato entusiasmo e dal pò di costanza nel riorganizzare la vita podistica, fatta di allenamenti incastrati in sempre più rari momenti liberi!

Ed invece!!! 4:22:48

L'entusiasmo ritrovato è stato annientato dalla performance terribile, scaturita come sempre mi capita quando l'umiltà lascia  la strada alla strafottenza di pensare che correre una Maratona sia cosa scontata, non lo è mai invece, mai. Lo so, ma a volte, spesso lo sottovaluto!

Porto a casa la mia 3^ peggiore performance di 25 sulla distanza di 42.195 km!!!

Peccato, sarebbe stato bello associare lo splendido weekend trascorso in quel di Latina, assieme ad Ania, ospiti degli amici Gianluca & Silvana. Grazie ragazzi della vostra ospitalità, vi vogliamo bene!!!








martedì 16 ottobre 2018

Parma Marathon: la n° 48 ed il ritrovato entusiasmo

Bella Parma, bella la sua Maratona, tutto perfetto per ritrovare la voglia di "Maratonare" !
Weekend tanto intenso quanto speciale, fatto di tanti km di corsa e di auto, di amici ospitali sopraffini, quali sono Filippo, Cristina e la simpaticissima Veronica, affiancati da una degustazione di cibo e vino locali e non solo, da far invidia ad una puntata di Master Chef 😊di ritrovate conoscenze che solo la passione per questo sport rende tanto vicine e familiari nonostante ci si veda o senta di rado, ma tant'è stato con Andrea e Lello, all'appello manca Mario, ma prima o poi ci si ritrova sempre nel magico mondo del Running.
Arrivavo a Parma con pochissime corse,  svariati kg in più, tante ore di lavoro e straordinari e con soli 3 lunghissimi: i 45 km di trail di fine giugno sulla Majella, i 44 km alla Sei ore di Curinga di inizio agosto ed ai 30 km di domenica scorsa, ma tra ognuno di loro niente più se non 10/15 km settimanali!
Seppur conscio di tutto ciò, puntuale arrivava la partenza un pò disinvolta, ma l'atmosfera ed il meteo erano perfetti in quel dello splendido scenario del Parco della Cittadella, ed il metodo Katzen è sempre pronto a salire in cattedra 😋

Non sapevo se impostare un ritmo o se affidarmi alle sensazioni, alla fine opterò per la seconda ipotesi, cercando di limitare i danni e consapevole che una settimana fa ne correvo 30 ad una media finale di 5'36'' ma senza alcuna forza e fantasia di aggiungerne altri 12!!! Tant'è, ma allo stato pratico mi stavo ritrovando ad aver corso i primi 5 in 25'56'', i 10 in poco più di 52', per poi ritrovarmi al cambio di seppur lieve pendenza, a dover fare i conti con un ritmo in regressione!
Non riuscivo a spiegarmi il perché di quel calo, si ero partito un pò forte ma avevo fin da subito cercato di riparare ed invece la fatica per mantenere un ritmo rispettabile era tanta, troppa, col senno di poi scoprirò/realizzerò che la responsabilità era dei falsipiano che caratterizzavano il tracciato di gara, percorso scorrevole si, ma mai facile quando non si è allenati bene 😏

I km scorrevano, non facilmente ma scorrevano e con la testa ero lì che pensavo, pensavo e pensavo e calcolavo, soprattutto calcolavo: cercavo di tirar fuori una previsione finale di Time ma era impresa ardua perché faticavo troppo e non vedevo segni di ripresa.

Cercavo di dar libero sfogo a tutti i miei amuleti/angeli e nonostante corressi in all'erta, mi godevo le ritrovate endorfine, la resilienza pura.
L'under 240' doveva essere mio, anche se giammai avrei scommesso di riuscire a centrarlo,  ma ho stretto i denti ed ho cercato di far valere quel pò di esperienza acquisita.

Questi i parziali, sono sicuro che se avessi corso i primi 10km di 15''/km più lenti, avrei fatto una seconda parte più veloce, e magari tolto qualche minuto dal time finale, ma che vuoi, l'entusiasmo era troppo!
Per assurdo mi sembrava di faticare di più nella prima mezza, talmente mi pesavano in testa tutti i km che ancora erano da fare, al 30° ero in balia della stanchezza, fu allora che fantasticai pensando fosse Brisighella e quei 12 rimanenti come per magia si fecero meno pesanti, ai ristori mi fermavo al volo come sulla faentina e ripartivo con energie sempre rinnovate. Al ristoro del 35° stavo ripartendo quando vedo arrivare i pacer delle 4 ore 😲😲😲 ripartivo subito e ragionavo sul perché mi avessero riagguantato, ero convinto di avere più margine ma ormai non c'era più tempo per ragionare, dovevo tentare il tutto per tutto.

In quei km finali talmente ero concentrato a raggiungere l'obiettivo posto, che a 7-800 metri dall'arrivo vedevo mia moglie lungo la strada che mi chiamava, risalutavo freddamente, tirando dritto per inanellare quel meritato successo: col senno di poi capirà di aver immaginato bene il perché del mancato abbraccio! #MyMisia





La Maratona n. 48 è cosa fatta, le sensazioni e la voglia lasciati è un dolce gustare, tra neanche due mesi sarà il turno di Latina, con il ritrovato entusiasmo sarà un bel correre, non vedo l'ora!!!

#staytuned #ASG #imieiangeliconme #Road2LatinaMarathon #dajeBambaciò