martedì 6 novembre 2012

Anticancro

La vita è qualcosa di stupendo, tutt'è percepirne il suo vero significato!
Questa percezione è conseguenza dell'apertura mentale iniziata a Connemara che si è andata via via intensificando ed ha permesso che oggi possa godere di questo beneficio e cercare di trasmettere il messaggio a chi mi vuole bene, a chi no, a chi è disposto al cambiamento ed a chi non tollera vedere intaccati i principi su cui ha basato la propria vita finora ed in cui crede ciecamente, ma io sento di doverlo divulgare al prossimo, tutto qui!

Questo mio stato è anche e soprattutto, conseguenza della magia della corsa, delle lunghe distanze, delle ore trascorse sotto effetto delle endorfine e concentrato ad analizzare quanto sta succedendo da tre anni a questa parte intorno a me: alla mia famiglia, ai conoscenti diventati amici e maestri di vita (Simone ce l'ho con te :P )!

Il benessere fisico mi sta permettendo di alzarmi alle 5, portare Birillo a fare la passeggiatina mattutina ed andare a lavorare. Lavoro al pc che mi permette di spaziare nel mondo dell'informazione, rientrare a casa con eventuale pitstop per fare la spesa, ormai totalmente ridimensionata nelle quantità, tipologia, nella durata e nei costi da quando ho scelto il veganismo (ancora in fase di startup), ma che già sta dando i suoi frutti!
Fare la spesa dicevo e poi andare a casa e dare da mangiare a Birillo (ormai rigenerato dal 15/9 che sta con me), successiva passeggiatina per poi appropinquarmi a finire la mia prima parte di giornata e trasformarmi in Mr. Hide.

Inizia la fase sportiva che si sono fatte le, 19, 20, 21 (dipende a che ora stacco), 10' di stretching e via ad allenarmi!
Rientro, stretching, doccia, carezza a Birillo eh eh ed inizio a mangiare (semplice, buono, veloce il veganismo)!

Tutto questo dal 15/9 scorso e lo sapete che vi dico, che la lettura dei libri mensionati nel post precedente fanno parte del mistero che si cela dietro a tanta determinazione e assenza di stanchezza, già: non sono per niente stanco!!! Sto a mille, sembra che ho pippato ed invece mai stato così puro!

Stamattina avevo la sveglia alle 5:15 perchè dovevo andare a fare la richiesta della  cartella clinica di mamma al Gemelli, andato a letto alle 22:20 fino alle 23 leggevo un pò quanto suddetto e poi crollavo! Ma alle 4:30 ero già in piedi e fresco come una rosa, INCREDIBILE, prima che suonasse la sveglia (ormai è da un pò che mi capita), approfitto per anticipare il tutto: alle 5:00 ero a spasso con Birillo ed alle 6:50 ero fuori al Gemelli aspettando che aprisse!!!

Con estrema calma, gentilezza e disponibilità mi sono informato sul da farsi e talmente perfetta l'organizzazione ho avuto la possibilità di attendere che aprisse lo sportello leggendo il libro oggetto del presente post, già la prefazione mi ha fatto capire che tutte queste mie attività mi stanno portando verso il risultato in essa racchiuso:


TUTTI abbiamo un cancro che dorme nascosto dentro di noi. Come ogni organismo vivente, infatti, il corpo umano fabbrica in continuazione cellule difettose, ed è così che nascono le neoplasie. Il nostro organismo è però dotato anche di vari sistemi che gli consentono di individuarle e contenerle. In Occidente, una persona su quattro morirà di tumore, ma tre su quattro no: nel loro caso i meccanismi di difesa saranno riusciti a tenere il cancro in scacco.

Servan-Schreiber, David (2011-05-20). Anticancro (Wellness Paperback) (Italian Edition) (Kindle Locations 185-189). Sperling & Kupfer. Kindle Edition.

IL CANCRO ESISTE E NON BISOGNA TEMERLO, BISOGNA PREVENIRLO, CURARLO, MA ANCHE IMPARARCI A CONVIVERE


«Ho sempre ritenuto che l’unico problema della medicina scientifica sia proprio la sua insufficiente scientificità. La medicina moderna diventerà una medicina davvero scientifica solo quando medici e pazienti avranno imparato a mettere a frutto le forze dell’organismo e della mente che agiscono grazie al potere di guarigione della Natura.» RENÉ DUBOS, scopritore nel 1939 del primo antibiotico messo in commercio e promotore nel 1972 del primo vertice mondiale sull’ambiente delle Nazioni Unite

Servan-Schreiber, David (2011-05-20). Anticancro (Wellness Paperback) (Italian Edition) (Kindle Locations 22-27). Sperling & Kupfer. Kindle Edition.



ps:
-18 a Firenze, scarico iniziato dopo il lunghissimo di 36 km di domenica scorsa, mai come adesso dico che comunque vada sarà un successo!!!

22 commenti:

  1. seguo appassionatamente il tuo nuovo regime e pure io mi dedico volentieri a letture sempre utili.

    Rifarsi i principi di alimentazione e parallelamente mentali per vivere piu a contatto con se stessi è probabilmente l'arma piu potente per darsi i migliori strumenti per evitare che questi numerosi e frequenti errori nel produrre cellule prolifichino!!!!

    Daje moro, attendo Firenze fiducioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che dirti che già non sai e/o che non ti ho detto?!?
      posso solo rinnovarti un
      GO Simone GO
      ps:
      secondo me è Connemara :D quei posti, ma correrci soprattutto, sono la scintilla! Ed io ero predisposto all'incendio dentro di me!

      ps2:
      a Firenze mi ti porto a spasso per 42 km (fatti leggero leggero :D :D :D)

      Elimina
  2. Non condivido pienamente forse perchè sono troppo fatalista... ma se tuffarti in questo nuovo stile di vita ti fa stare bene, come mi sembra di capire, continua a crederci ed a praticarlo. Bisogna fare quello che ci fa stare bene...
    Ancora Auguri a tua mamma ed un fortissimo abbraccio.
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lauretta mia ti stritolo pur'io!!!
      bella Lei!

      Elimina
  3. Risposte
    1. It's very kind of you to cheer for me!
      Many thx friend, Florence will be our ;)

      Elimina
  4. Tutta questa serenità mette quasi paura.. ;)
    Vado controccorrente e generalizzo un pò.. mi auguro che chi fa parte della mia vita continui a temerlo perchè chi impara a conviverci è chi c'è dentro,da fuori è inevitabile aver paura..impari ad accettare certe cose solo quando ti riguardano,salvo eccezioni..
    Ciao Mauro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto giusto Andrea, giustissimo, ma non si tratta di "serenità"! Piuttosto consapevolezza di un adeguamento obbligato per cercare di non farsi sopraffare dal BASTARDO! Da 3 anni il Cancro si è presentato a me x mezzo di altri, ti dico in tutta onestà che non lo temo, anzi, la mia sfida nei suoi confronti l'ho iniziata con la prevenzione ma soprattutto facendo tesoro di tutto quello che sto apprendendo a livello scientifico, naturale, psicologico!
      Un abbraccio GRANDE

      Elimina
  5. Quoto in pieno Laura: fai ciò che ti fa star bene.
    anch'io come lei sono fatalista, non nel senso che guido a fari spenti...sia chiaro..però la vita ti presentare tante di quelle "opzioni" che cercare di combattere/convivere con tutto poi diventa impossibile.
    a me basterebbe levarmi quella sensazione di ansia costante che mi porto dietro da anni...sia per cose belle che per quelle brutte ma....in questa vita non la vedo una cosa fattibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Mauro caro, rispondo a te ma il contenuto è rivolto anche a Laura:
      quanto mi è successo 9 anni fa mi ha fatto capire che si, sicuramente il fato è l'ago della bilancia della nostra vita, ma così come non guidiamo a fari spenti, allo stesso modo possiamo fare tanto altro per non evitare tutto quello che il consumismo ed i ritmi ad esso legati non ci fa apprezzare!
      Questa parte della mia vita si può definire: analisi ed azione! analisi, partendo dalla lettura dei libri menzionati ed azione, mettendo in pratica per quanto possibile quanto sto apprendendo!!!
      Il veganismo è una scelta forte, ma nasce dentro di me come segno di protesta ripeto, verso quanto sta succedendo intorno a me e dalla nuova visione della vita!!!
      So benissimo credimi, che posso uscire da lavoro oggi e mi sachiaccia una macchina, oppure che mi prende un malore mentre corro etc.. etc.. Ma allora si tratterà di fato e se pure un giorno scoprirò avere un cancro, nn significherà che allora erano tutte stronzate queste, ma bensì che le vie di contagio sono talmente tante che l'unico modo per difendersi è preparare il "terreno", perchè:

      Negli ultimi anni, poi, dalla ricerca scientifica sono emerse nuove indicazioni, spiegazioni e prove utili perché ognuno di noi impari a fortificare la propria salute e a migliorare il proprio «terreno» inducendo, all’interno dell’organismo stesso, una biologia anticancro, confermando anche l’importanza di non trascurare il nesso tra emozioni e decorso oncologico.

      Servan-Schreiber, David (2011-05-20). Anticancro (Wellness Paperback) (Italian Edition) (Kindle Locations 55-58). Sperling & Kupfer. Kindle Edition.

      Elimina
    3. personalmente credo che, come quasi sempre accade, il giusto stia nel mezzo: va bene "portarsi avanti" ma non bisogna neanche vivere con lo spauracchio di una malattia.
      rispetto a 50 anni fa la vita è diventata più complicata ma è anche vero che scienza e medicina han fatto passi da giganti.
      mi chiedo se un pò di buonsenso possa bastare o meno....ma penso di si, mi riferisco al fumo, all'alcool e ad un alimentazione corretta (e per corretta non intedo chissà cosa..)

      Elimina
    4. ma si sicuramente! E' proprio così infatti!
      Il mio è una reazione esagerata a 3 anni esagerati!

      Elimina
  6. Ciao Mauro, era da un po' che non navigavo da queste parte. Quante news! Purtroppo conosco IL BASTARDO, lo ha affrontato anche mia madre ed ora anche il padre di Stefy. E' un avversario molto forte, ma nessun avversario è imbattibile, chi fa sport lo sa. Forza e coraggio!
    Ho molte remore sul veganismo, ma approfondirò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio, conosco i ritmi della blogsfera e suoi problemi (iniziavo a pensare ti stessi antipatico!), tranquillo!
      Vedi Fabio, forse a te non è chiaro il mio percorso da 3 anni a questa parte, a tal proposito ti chiedo di farti un'idea del/i perchè spulciandoti l'archivio dei post!!!
      Le tue remore sono normalissime, così come non avrei mai pensato di fare una scelta del genere fino ad una settimana fa, anche se l'idea di passare al vegetarianesimo era già nell'aria! Ma quando mi è arrivata un'altra mazzata mi serviva un cambiamento per reagire e ritrovare speranze che puntujali sono arrivate dalla lettura dei libri menzionati!!!
      Un abbraccio a tutti voi e se posso esservi di aiuto con quanto appreso basta chiedere, qui ci sono appunti presi durante questa fase di studio ma sono andato oltre, quindi chiedimi tranquillamente circa le mie considerazioni!
      Il tutto è e rimane WORK IN PROGRESS e contestuale alla vita di tutti i giorni, lavorativa e sportiva!!!

      Elimina
  7. Non critico la scelta di abbracciare il veganismo.
    Penso che a questo mondo ci sia spazio per tante idee e tanti comportamenti e sulle scelte personali, chi vuole, ne puo' discutere, altrimenti si comporta come meglio crede.
    Cio' che mi da fastidio e' l'intolleranza verso tale scelta, ma di contro la prosopopea di chi ha scelto il veganismo e crede di essere un illuminato da qualche dio di qualche parte del cielo, trattando come deficiente chi ancora gli va di mangiare qualche fetta di prosciutto....
    Il cancro e' in agguato, lo sappiamo benissimo, come l'infarto o l'ictus, ma se non me la sento di fare l'anacorata, perche' mi devono zompare a pie' pari sui miei esausti testicoli...?!? (e non ce l'ho con te ma con chi fa il taleba-vegano !!!!!!
    Ciao stammi bene ed okkio a Firenze....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che ho appena abbracciato un mondo tutto da scoprire e da fare mio, ti rispondo come fatto a Mauro, ossia:

      "Il veganismo è una scelta forte, ma nasce dentro di me come segno di protesta ripeto, verso quanto sta succedendo intorno a me e dalla nuova visione della vita!!!
      So benissimo credimi, che posso uscire da lavoro oggi e mi sachiaccia una macchina, oppure che mi prende un malore mentre corro etc.. etc.. Ma allora si tratterà di fato e se pure un giorno scoprirò avere un cancro, nn significherà che allora erano tutte stronzate queste, ma bensì che le vie di contagio sono talmente tante che l'unico modo per difendersi è preparare il "terreno", perchè:

      Negli ultimi anni, poi, dalla ricerca scientifica sono emerse nuove indicazioni, spiegazioni e prove utili perché ognuno di noi impari a fortificare la propria salute e a migliorare il proprio «terreno» inducendo, all’interno dell’organismo stesso, una biologia anticancro, confermando anche l’importanza di non trascurare il nesso tra emozioni e decorso oncologico.

      Servan-Schreiber, David (2011-05-20). Anticancro (Wellness Paperback) (Italian Edition) (Kindle Locations 55-58). Sperling & Kupfer. Kindle Edition."

      Assolutamente non penso che chi, come me fino a pochi giorni fa, gusta carne e quant'altro che sia un coglione, ma penso sicurmante che i preconcetti ammazzano qualsiasi tentativo di mostrare la realtà.
      Bada bene: non sono nessuno per dire che ho compreso cose che altri non riescono a comprendere, ma sono qualcuno che, come 9 anni fa in occasione dell'incidente, sa iniziare una nuova vita in una nuova veste senza porsi troppi problemi. Primo, perchè devo rendere conto solo a me stesso e secondo, perchè i video che in parallelo a tutti questi ragionamenti ho visto mi hanno fatto arrivare a schifare anche le uova del supermercato, pensa tu!!!
      Ripeto:
      non sono nessuno per dire che sbagliano tutti gli altri, ma ti garantisco che questa mia scelta è arrivata in contemporanea alla lettura della medicina naturale e dell'altra infinita documentazione che ho appreso nell'intento di trovare le "armi" per difendere mia madre dal BASTARDO ed avere entrambi la consapevolezza che la partita non è finita cazzo!
      Però mia madre ha me, che ho appreso quanto in 20 giorni non ho fatto in 35 anni ed ho tutta l'intenzione di dargli un senso!!!

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. http://newapocalypse.altervista.org/blog/2012/11/09/cancro-la-cura-esiste-probabilmente-ma-le-case-farmaceutiche-multimiliardarie-in-italia-lhanno-ostreggiata/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrava strano nn averti avuto ancora mio ospite ed invece eccoti, consapevole +che mai!
      Il tuo link è riferito ad un concentrato delle informazioni apprese e che sto apprendendo, dalla lettura di tutti I riferimenti ai libri postati!
      L'oggetto di questo post è il libro(ancora nn finito) di un 31enne ricercatore in medicina, colpito da un cancro al cervello e che dopo 17anni sembra essere riuscito a sbarazzarsi del BASTARDO mettendo in pratica tutto quello che ha scoperto e che ha splendidamente riassunto in questa opera unica!
      Stay tuned Marchetto

      Elimina
  10. Sono un podista anch'io.
    Devo capire bene la tua storia perché mi riporta in superficie un vissuto da tragedia che scandisce i miei giorni.
    Idee stratosferiche,..se é tutto vero e applicabile su vasta gamma,..beh,..
    Complimenti,..

    RispondiElimina
  11. Ciao Edoardo,
    un fulmineo è mio amico, siamo gemellati con voi! ;)
    Quanto hai scritto mi ha spinto a leggere il tuo profilo ed ho trovato la risposta che ti ha spinto ad essere così sensibile da lasciare un segno del tuo passaggio!
    Non immagino quanto hai potuto provare ma ne afferro il dolore.. Inizierò a seguirti..
    Cosa intendi "se applicabile su vasta gamma"?
    Complimenti a te che stai riuscendo a percepire il mio MESSAGGIO

    RispondiElimina