mercoledì 26 aprile 2017

Magia e statistica




MAGIA
Quando per sei anni continui a ripetere un rito, significa che quell'evento ha significato tanto per la tua vita e che non basterà mai la riconoscenza che gli dimostri per rendergli il giusto merito.

STATISTICA
La mia sesta Connemara, la mia terza ultra finita dopo il fattaccio dell'anno scorso, dice 5:58:15, 41/193, che confrontato alla 36/164 posizione del 2015 con il 5:52:19, sembrerebbe un PB mancato (e ad onor del vero lo è), ma andando a fare calcoli più approfonditi succede che la statistica ti premia e ti accorgi che quest'anno su 100  partecipanti occupi la posizione numero 21.2435233161 a dispetto della numero 21.9512195122 ❤ e tanto basta a farmi considerare comunque un successo il mio correre! (strani gli ultramarathoners eh?!?)

MAGIA
Una tastiera, un pianista, una camera con poltrone, una trentina di ospiti, sei lettori, un libro, un presentatore: il pianista inizia la sua musica, per occasioni come queste pensata, ed il presentatore recita

"... turning back to ocean water 
I will again 

Be one with your same drop.

There will be no need to hold hands. 

I know now

When the times come 

I'll close my eyes 

Without any more fear."

La lettura della versione inglese del libro di Simone aveva luogo per la prima volta in un contesto di stima e rispetto per quanto la sua persona continua ad insegnare a tutti noi; una manciata di capitoli inframezzati da musica suonata direttamente col cuore e per mezzo delle mani di Christian, creavano un'atmosfera che solo chi vive ed ha vissuto la Magia di Connemara può realmente percepire.

STATISTICA 
Tante (troppe) le Guinness bevute, che quest'anno sono state oggetto del tentativo di sabotaggio di Marco 😂 che per cercare di guadagnare una posizione nella classifica finale degli ultramarathoners, ha cercato di giocarsi la carta "er Moro ubriaco" e che veramente per poco non ci è riuscito! Ancora grazie Mico, tu e l'ospitalità di Brona sono qualcosa di raro! Il viaggio a Galway, con il passaggio in macchina della dolcissima Rachel, mi vedeva vomitare su un lato dell'autostrada il mix alcolico della serata di benvenuto al Lanigans pub in Dublin, dove una serata di festa in stile ASG ha preso forma!

MAGIA
Mia moglie,  Ania, alla sua terza partecipazione alla mezzamaratona, come me porta a casa un piccolo successo: finire la sua Connemara senza praticamente essersi mai allenata, complice una vita italiana con pochi momenti liberi. Incontrarla a 5km dalla fine, con Renato e Nerio che per qualche km sono stati suoi compagni di viaggio, mi ha dato l'energia che serviva per concludere in accelerazione le mie fatiche. TI AMO MISIA, proud of you ❤❤❤



Ecco, questa è stata la mia sesta storia consecutiva nel Connemara, queste le persone, ma tante altre (Valeria, Jenny...) che ne fanno parte da tanti anni, con le stesse motivazioni: far tornare a vivere Simone nella sua Connemara, che tanto ha amato e gli ha regalato emozioni uniche!

Quella strada, quella brughiera, quel cielo, le pecore lungo il percorso, il lago, tutto quanto è pregno di ricordi, di momenti, di gioie, di difficoltà.. d'amore per una persona che troppo presto ci è stata portata via, ma che dal 2012 portiamo nei nostri cuori ovunque per poi fargli vivere tutti assieme la sua Connemara, e continuare quanto aveva iniziato, la raccolta fondi per Cancer care West, quest'anno location per la lettura del libro, dove Sharon dava il benvenuto a tutta la ASG.

A distanza di 5 anni, stessa scena: stavolta mi voltavo per salutare Renato Grassi 

#onceagain #GOSimoneGO #imieiangeliconme 


Un grande abbraccio a  Sławek e Trevor, per la loro ospitalità in Dublino al ritorno dalle emozioni nel Connemara, un piacere ritrovarvi a distanza di 8 mesi.

4 commenti:

  1. Hai reso perfettamente tutto. Bravo Moro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho azzardato un pó ed ho lasciato fare al cuore: so che hai colto l'essenziale 😉

      Elimina