mercoledì 5 giugno 2013

er Moro in Progress: Transizione Salutare, metodo MDA

Con questo post sono a riportare quanto mi sta interessando da un mese a questa parte, iniziato ormai 8 mesi fa in maniera del tutto naturale. Quanto riporto l'ho prelevato dal Blog di Andrea Conti, talmente ha saputo realizzarlo compiutamente. Il mio percorso di avvicinamento è stato del tutto autonomo e senza pressioni. Semplicemente la constatazione che quanto sono andato modificando in questi mesi nella mia alimentazione, era in qualche modo già concretamente pianificato da qualcosa/uno e che le sensazioni di benessere da me riscontrate erano condivise da infinita gente. 

Ognuno tragga le sue conclusioni. 


Transizione salutare: metodo MDA [Progetto3M]

120606180270_equilibrista_result2“Visto che il riavanzamento (transizione) personale, verso finalmente l’alimentazione adatta alla Specie Umana, va fatto in maniera graduale, del tutto l’unico modo non solosalutare e semplice, ma addirittura assolutamente indispensabile per non avere problemi, è il cosiddetto Metodo 6(MDA)
["6" indica le 6 fasi "alimentari" da effettuare, "MDA" indica l'impostazione giornaliera (di ogni fase), che, dall'onnarismo al vegan-crudismo, è quella meno tossica, mentre, nel fruttarismo, diventa Sostenibile, e, nel Melarismo, diventa salutare]:
1. Fase Onnariana (MDA-1)
2. Fase Vegetariana (MDA-2)
3. Fase Vegan (MDA-3)
4. Fase Vegan-crudista (MDA-4)
5. Fase Fruttariana Sostenibile (F1, F2, F3)
6. Melarismo Salutare (M1, M2, M3)
Dunque, proprio per attutire i danni cellulari in accumulo, minuto dopo minuto, secondo dopo secondo, durante ogni predetta fase (come si dovrebbe fare, a maggior ragione, anche nella fase onnariana), si deve attuare solo ed esclusivamente l’impostazione giornaliera MDA: siccome l’organismo di una Specie Malivora come la nostra non può minimamente subire un letterale bombardamento di tossine aspecifiche per ben tre volte al giorno (colazione, pranzo e cena), perché reggerebbe pochissimo prima di darci i primi sintomi, e sempre crescenti, di qualsiasi tipo di patologia,dobbiamo assolutamente sempre fare in modo che almeno i primi 2 dei suddetti pasti siano:
- Il primo pasto (Colazione, detto “M”=Mela) completamente senza tossine aspecifiche.
- Il secondo pasto (Pranzo, detto “D”=Frutta Dolce) con tossine aspecifiche non forti.
- E solo alla fine, al limite, mai più di un pasto al giorno, il terzo pasto(Cena, detto “A”=Alcalinizzante) anche con eventuali tossine aspecifiche più forti (ecco, appunto, perché l’impostazione giornaliera si chiama “MDA”).
In sintesi, quindi, in ogni singola fase “alimentare” pre-Fruttariana, dall’Onnarismo, al Vegetarismo, al Veganismo, al Vegan-Crudismo, è assolutamente indispensabile avere la seguente impostazione giornaliera “MDA”:
10100_308857472581444_464775893_n
1. Colazione: “M”= Mela[consumare da una a tre mele rosse (non meno di una e non più di tre; ognuna del peso medio commerciale di due etti; almeno biologica e consumata compreso la buccia; durante la mattinata, quando se ne sente più il bisogno)];
2. Pranzo: “D”=Frutta Dolce[consumare tre tipi di Frutta Dolce (di quantità a sazietà; evitare la frutta acida per i motivi posdetti)];
3. Cena: “A”= Alcalinizzante[consumare quasi esclusivamente i "cibi" più alcalinizzanti (della fase "alimentare" che si sta attuando, cioè Onnariana, o Vegetariana, o Vegan, o Vegan-Crudista; l'impostazione della Cena in ognuna di queste fasi è esposta nel libro in ogni relativo paragrafo, in cui sono già stati selezionati i "cibi" più Alcalinizzanti e come vanno solo minimamente alternati con quelli Acidificanti].
Questa impostazione giornaliera MDA è assolutamente l’unica che consente alle Fasi pre-Fruttariane, di costituire almeno ognuna una fase transitoria con un livello meno tossico possibile; per ottenere ciò si sono dovuti tenere presenti soprattutto i quattro parametri fondamentali di ogni modello alimentare:
601103_10200341665762070_665501584_n1. L’alimento Specie-Specifico per la Specie Umana, la Mela Rossa [l'alimento Specie-Specifico è ovviamente il parametro non solo fondamentale, ma del tutto essenziale per la salute di qualsiasi Specie Animale, oltre che vegetale; è altrettanto essenziale consumarlo come primo alimento dell'intera giornata, e lasciarlo "lavorare" biochimicamente dentro di noi senza aggiungere nessun altra sostanza, liquida o solida (eccetto un po’ d'acqua |non gassata| se lo richiede l'organismo, visto il pasto serale ancora aspecifico), per almeno tre o quattro ore prima del pranzo];
TYP-461410-4775506-2361374_Lucky-Dragon2. L’equilibrio Proto-Lipo-Glicidico; [è già ottimamente bilanciato nell'impostazione MDA, attraverso una fase più glucidica, a Colazione e a Pranzo, dove servono assolutamente più energie fresche ma soprattutto senza l'iper-patologico blocco della fase catabolica e anabolica circadiana, ed una fase più plastica (proto-lipidica), ma sempre in modo molto leggero e più digeribile, per la cena, che utilizza tutta la potente fase circadiana trofica notturna per il successivo assorbimento ed assimilazione totali];
20120429200903-acido-base3. L’equilibrio Acido-Base; [anch'esso è già ottimamente bilanciato nell'impostazione MDA, ed è del tutto fondamentale visto la sempre più correlata scientificamente azione fortemente patologica del suo mancato bilanciamento all'interno almeno di ogni giornata; la Mela Rossa, in particolare Stark, consumata a colazione, è l'unico alimento che nella nostra Specie, lascia il pH perfettamente inalterato a 7,41, e che quindi non ha bisogno di essere bilanciato; successivamente, la Futta Dolce consumata a Pranzo, essendo leggermente Acidificante, è bilanciata proprio con la tipologia di cena decisamente Alcalinizzante dell'impostazione MDA, che consente anche a tutte le ore notturne di mantenere nell'organismo un ambiente con una leggera Alcalinità risultante dall'interazione con la Frutta Dolce diurna, che è ottimale anche per il corretto riposo notturno];
200143_306840902783101_301517468_n4. Il Ciclo Trofo-Fisiologico circadiano Specie-Specifico [ è totalmente essenziale che sia rispettato, visto che anche una minima alterazione delle fondamentali Fasi Catabolica ed Anabolica soprattutto della predetta colazione e pranzo comporta la distruzione totale del delicatissimo equilibrio biochimico e biofisico interno all'organismo; di conseguenza, non modificate nemmeno minimamente assolutamente mai almeno le suddette Colazione (Mela Rossa) e Pranzo (Frutta Dolce) dell'impostazione MDA; eventuali, ma rare, eccezioni, possono essere inserite nella suddetta Cena, come vedrete anche meglio nei paragrafi relativi ad ogni fase "alimentare" descritti nel libro].”

5 commenti:

  1. cmq vada, sarà un successo. l'unico rischio per me sarebbe la monotonia, per quanto ami la frutta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti questo rischio è dietro l'angolo, ma vedi:
      è il Mauro di prima che pensa questo come fai tu, ma quello di adesso ti posso garantire che non teme queste ricadute, ormai navigo l'onda del benessere al naturale!

      Elimina
    2. ..e cmq Marche', se il problema è la monotonia, ecco come si risolve (ora non hai + scuse :D ) eh eh

      Antipasti fruttariani:
      • insalata fruttariana (pomodorini, cetrioli, olive nere e verdi denocciolate, mela,
      uvetta, arancia);
      • insalata greca fruttariana [pomodori, cetrioli, peperoni rossi (tagliati a fettine molto
      sottili, meglio se con la mandolina), olive nere e verdi denocciolate e olio d'oliva];
      • insalata julienne fruttariana [zucchina (con buccia) alla julienne, pomodorini, peperone
      rosso (a fettine sottili), olive nere e verdi denocciolate, molto avocado morbido e
      molto olio d'oliva];
      • peperonata fruttariana [peperoni rossi abbondanti (tagliati a fettine molto sottili,
      meglio se con la mandolina), pomodorini, olive verdi saporite denocciolate, avocado,
      olio d'oliva];
      • insalate fruttariane varie:
      ◦ pomodori, avocado e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, olive nere e verdi denocciolate e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, cetrioli, avocado, e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, cetrioli, olive nere e verdi denocciolate e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, cetrioli, avocado, olive nere e verdi denocciolate e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, peperone rosso (a fettine sottili), avocado e olio d'oliva;
      ◦ pomodori, peperone rosso (a fettine sottili), olive nere e verdi denocciolate e olio
      d'oliva;
      ◦ pomodori, peperone rosso (a fettine sottili), avocado, olive nere e verdi denocciolate
      e olio d'oliva;
      ◦ zucchina (con buccia) alla julienne, peperone rosso (a fettine sottili), avocado
      morbido e olio d'oliva;
      ◦ zucchina (con buccia) alla julienne, peperone rosso (a fettine sottili), olive nere e
      verdi denocciolate e olio d'oliva;
      ◦ zucchina (con buccia) alla julienne, peperone rosso (a fettine sottili), molto paté
      di olive nere e verdi e olio d'oliva;
      ◦ zucchina (con buccia) alla julienne, peperone rosso (a fettine sottili), olive nere e
      verdi denocciolate, molto avocado morbido e molto olio d'oliva;
      ◦ ecc.
      • fruit salad (mele, arancia, uvetta e olive nere);
      • antipasto fruttariano tropical (mango, papaia, banana, ananas, ecc.);
      • crostini fruttariani [fette tagliate per lungo di peperone rosso crudo, con spalmato
      sopra il paté di avocado (salsa frullata di: avocado, olive nere e verdi, pomodorini, e
      pomodori secchi)];
      • tartine fruttariane [fettine tonde di pomodoro ognuna con sovrapposta una rondella
      di cetriolo (con buccia) con sopra un po’ di paté di olive nere e verdi];
      • peperoni a filetti [peperone rosso tagliato a filetti sottili (anche con "pelapatate") con
      paté di olive verdi e olio d'oliva];
      • olive ripiene [olive (rosse, nere e verdi) denocciolate e riempite di un pezzetto di peperone
      rosso o di pomodoro secco (le olive nere anche con un pezzetto di zucca |
      sbucciata|)];
      • ecc.

      poi ci sono i Primi fruttariani, i Secondi, i Contorni, le Bevande etc.. etc..

      Elimina
  2. vegans do it better.....
    http://www.ecoblog.it/post/71271/i-vegetariani-vivono-piu-a-lungo-dei-carnivori-un-nuovo-studio-lo-dimostra?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+ecoblog%2Fit+%28ecoblog%29

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fruttariano è ancora meglio, malivoro è il top!

      Elimina